Pane Integrale ai Semi di Lino

Ingredienti

  • 250 gr di Farina Integrale
  • 200 gr di Farina tipo 0
  • 50 gr di Farina di Segale
  • 6 gr di Lievito secco
  • 280 gr di Acqua
  • 35 gr di Semi di Lino
  • 40 gr di Olio di Oliva
  • 1 cucchiaino di Sale
  • 1 tuorlo di Uovo
  • Olio Extravergine di Oliva
  • 3 cucchiai di Acqua

Preparazione

Setacciare e mescolare le farine. Nella ciotola della planetaria sciogliere il lievito con due o tre cucchiai di acqua. Aggiungere l’olio poi i semi di lino. Mescolare e versare una parte delle farine. Iniziare ad impastare poi versare a poco a poco tutte  le farine e l’acqua, lasciandone un paio di cucchiai in cui sciogliere il sale che si aggiungerà quando l’impasto sarà ormai avviato ed il lievito ben incorporato. L’impasto è pronto quando si incorderà al gancio della planetaria e si potrà formare una palla. Se si impasta a mano, dovrà avere una consistenza soda ed essere ben compatto. Lasciar lievitare l’impasto coperto per almeno tre ore.

Riprenderlo e stenderlo con le mani poi piegare la pasta su se stessa per circa 4 o 5 volte (come in foto) per far si che si sviluppi bene il glutine e che la pasta prenda forza.

Dividere poi in tre panetti e arrotondarli con le mani.

Foderare di carta forno uno stampo da plum-cake e allinearci  dentro i tre panetti. Per dare colore e lucentezza alla crosta possiamo spennellare il pane con un tuorlo mescolato ad acqua. Poi spolverizzare ancora con i semi di lino. Copriamo con la pellicola e lasciamo lievitare per circa 2 ore. Riscaldare il forno a 220° poi infornare il pane abbassando la temperatura a 190° e cuocere dai  25 ai 35 minuti, a seconda del tipo di forno.

Se avvolto in un canovaccio si conserva abbastanza bene per circa 3 giorni; può essere utilizzato sia in versione dolce per la colazione sia per sandwich salati.

Autrice della Ricetta

info box img

Marina adora cucinare, mangiare, assaporare cibi, nuovi sapori e accostamenti insoliti.

“Mi piace sperimentare cose nuove e non solo in cucina, vorrei avere 10 anni di meno e vorrei avere sempre e continuamente le mani in pasta!”

Guarda la ricetta sul blog www.merincucina.ifood.it